9 miti sulla nutrizione

0




Oggi, troviamo numerose informazioni sugli alimenti che devono o non devono essere inseriti nella propria dieta, e sembra quasi impossibile distinguere ciò che è corretto da ciò che è sbagliato. Seguire un’alimentazione sana e controllata implica non credere a tutte le teorie che circolano e seguire i consigli di un medico, tenendo in considerazione le particolarità del tuo organismo. Certamente avrai già sentito dire, per esempio, che bere acqua durante i pasti fa ingrassare, oppure che se vuoi dimagrire devi eliminare totalmente i carboidrati. Questi cliché hanno fondamento? Ricordiamoci che la dieta è essenziale per ottenere progressi, infatti, senza un programma alimentare adeguato, i risultati saranno lenti, nella migliore delle ipotesi.


Per fare in modo di aiutarti a seguire un’alimentazione sana, cerchiamo di capire alcuni dei principali miti che circolano in relazione all’alimentazione.


Mito 1. È obbligatorio fare 7 pasti al giorno.

Non esiste un numero determinato di pasti che devono essere consumati durante la giornata, ciò dipende dagli orari di ognuno, così come dalle necessità nutrizionali quotidiane adatte per raggiungere determinati obiettivi. Nonostante tutto, possiamo affermare che, saltare i pasti per cercare di dimagrire velocemente è sicuramente una pessima idea. Dimagrire non è sinonimo di mangiare poco, è invece il riflesso delle tue scelte alimentari e delle tue prestazioni durante gli allenamenti. Mangiare con frequenza può aiutare a stimolare il metabolismo e a bruciare dunque più grassi. Una buona raccomandazione è quella di mangiare ogni 2 o 3 ore e mezza, per migliorare il controllo dell’appetito e tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. Comunque sia, se si riesce a mangiare ogni 4 ore è sufficiente, sempre che le tue scelte alimentari vadano d’accordo con le tue necessità energetiche.



Mito 2. Se vuoi dimagrire devi eliminare i carboidrati e i grassi.

Questi macronutrienti sono essenziali per ottenere l’energia necessaria per eseguire gli allenamenti e i compiti quotidiani più svariati, oltre che fondamentali per preservare le normali funzioni dell’organismo. I carboidrati e i grassi sani non dovranno scomparire dalla tua dieta, ma semplicemente dovranno essere consumati con moderazione, attraverso alimenti altamente nutritivi che siano in grado di prolungare la sensazione di sazietà. Sempre che l’ingestione di calorie non sia eccessiva, ingerire questi due macronutrienti insieme non aumenta il rischio di accumulare grassi. In realtà, mangiare un pasto che contenga un buon equilibrio dei tre macronutrienti, quali: grassi sani, carboidrati complessi e proteine magre, tende a fornire una maggiore nutrizione e sazietà, mantenendo i livelli di energia stabili.



Mito 3. Se vuoi perdere peso devi eliminare gli alimenti con glutine dalla tua dieta.

La moda è cominciata con l’obbligo di eliminare gli alimenti contenenti glutine nel caso in cui si fosse affetti da celiachia. Eliminando i cereali come il grano, la segale, l orzo e i loro derivati i celiaci miglioravano, non solo rispetto ai sintomi e ai problemi di salute, ma anche rispetto alla perdita di peso, all’aumento dell’energia e alla riduzione di allergie e dolori nelle articolazioni. Attualmente è possibile sapere se si è celiaci senza essere necessario seguire una dieta senza glutine. Nonostante tutto, sempre più persone oggi, anche non essendo celiache, riscontrano una certa sensibilità alle glutine, una glicoproteina presente nel grano, che oggigiorno è geneticamente modificata per le esigenze dell’agricoltura moderna, e che sembra essere relazionata con l’infiammazione intestinale. Non è sicuramente corretto dire che l’eliminazione di alimenti che contengono glutine favorisca la perdita di peso, in quanto ogni organismo reagisce in modo diverso. Tuttavia, puoi iniziare a eliminare alimenti come pane, pasta, pizza, biscotti, cereali, birra ecc.



Mito 4. Mangiare carboidrati la notte fa ingrassare.

Il valore calorico dei carboidrati non varia durante la giornata. La verità, è che chi mangia poco durante l’arco della giornata e ha una vita sedentaria e stressata, concentra la maggiore ingestione di calorie la notte, momento in cui, generalmente, non si svolgono attività fisiche e dunque diventa più difficile controllare il comportamento alimentare. Ingerendo grandi quantità di alimenti ricchi di carboidrati e grassi (biscotti, torte, cioccolati ecc.), ossia molte calorie a basso effetto saziante, si favorisce l’aumento di peso. Il trucco? Tagliare le quantità di carboidrati la notte, senza la necessità di eliminarli del tutto, puntare di più sulle proteine, sfruttandone il potere saziante così da inibire la voglia di ingerire alimenti per impulso.


whey protein scitec nutrition



Mito 5. L’olio d’oliva è un grasso sano per questo non fa ingrassare.

L’olio d’oliva deve essere utilizzato con moderazione. Nonostante sia un grasso sano fa ingrassare tanto quanto altri grassi. 100 g di olio d’oliva contengono circa 900 calorie. Il vantaggio, è che si tratta di un grasso ricco di antiossidanti e altre sostanze nutritive, inoltre, diminuisce i livelli di colesterolo e contribuisce alla diminuzione del rischio di malattie cardiovascolari.



Mito 6. Il pesce non da energia.

Il pesce è più digeribile della carne, in quanto contiene una quantità di grassi ridotta. Oltre a questo, il pesce è una fonte di proteine di alta qualità. I pesci grassi come il salmone, le sardine o le aringhe contengono acidi grassi essenziali molto benefici per la salute. Per ritardare la digestione del pesce, puoi accompagnarlo con alimenti a lenta digestione, come cavoli e legumi.



Mito 7. Gli alimenti light e senza calorie possono essere consumati senza limitazioni.

L’unico alimento che non contiene calorie è l’acqua. Il fatto che alcuni prodotti contengano bassi valori di grassi o zuccheri non significa che non contengano calorie, infatti, per rendere il prodotto saporito e magari cremoso, per esempio, vengono aggiungi ingredienti sostitutivi. In alcuni casi, il valore energetico finisce per essere superiore all’originale e induce in errore a chi pensa che in quanto light può essere consumato in grandi quantità.



Mito 8. I succhi di frutta Dietox sono eccellenti per perdere peso.

Alcuni di questi succhi di frutta possono offrire una buona dose di antiossidanti, ma anche poche calorie e proteine. Un consumo calorico molto ridotto, insieme ad una bassa ingestione di proteine, aumentano il rischio di perdere massa muscolare. Oltre a ciò, i programmi di disintossicazione possono portare a disidratazione e privare l’organismo di altre vitamine e minerali naturalmente fondamentali alla salute e al benessere dell’individuo. Se desideri depurare l’organismo, bevi molta acqua, elimina gli alimenti processati, consuma molta frutta e verdura, e assicurati di assumere le proteine e le calorie adeguate al tuo peso corporeo.



Mito 9. Consumare grandi quantità di proteine fa male alla salute.

Uno studio pubblicato nell’American Society for Clinical Nutrition, conferma che una maggiore quantità di proteine non influenza negativamente il normale funzionamento dell’organismo. La loro assunzione promuove il recupero e la costruzione della massa muscolare. Scopri di più su L’assunzione di integratori di proteine può causare danni ai reni?


In caso di dubbi è sempre bene chiedere consiglio ad un medico.



Leggi anche:


5 miti sulle proteine della soia

5 miti sulla creatina

Le proteine possono aiutare nel processo di perdita di peso?









Referenze:


Shannon Clark, Fact or Fiction: 8 Nutritional Myths Debunked, Aprile 2014.

Carla Castrelo, Verdades e mitos sobre a alimentação, n/d.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here